Dirap

Stimati soci,

Siete invitati all’assemblea annuale del DIRAP che si terrà martedì 12 dicembre 2023 alle ore 7.30 in prima convocazione e alle ore 17.30 in seconda convocazione a Bolzano presso l’Auditorium del Palazzo Provinciale 2, in piazza Silvius Magnago 10.


Il segretario - Dott. Antonio Lampis



Care/i iscritte/i,

Con viva soddisfazione comunico che il contratto della dirigenza è stato pubblicato sul Bollettino ufficiale della regione Trentino – Alto Adige .

https://bollettino.regione.taa.it/pdf/I-II/2023/35/S3/S3352301195288.pdf

Qui di seguito abbiamo elaborato alcune FAQ e altre informazioni saranno comunicate attraverso la pagina Facebook

 https://www.facebook.com/profile.php?id=100083451096465 che Vi raccomando vivamente di seguire.

A breve sarà indetta un’assemblea, anche per alcune lievi, ma necessarie modifiche statutarie in ossequio alla normativa generale sui sindacati. E’ intenzione del direttivo proporre la possibilità di iscrizione (con alcune ovvie peculiarità) anche ai nostri pensionati.

Antonio Lampis

Segretario DIRAP

FAQ NUOVO CONTRATTO DIRIGENTI


Da quando si applica il nuovo contratto?
Il nuovo contratto è efficace a partire dal 1° settembre 2023.

A quanto ammonta il nuovo stipendio?
(vedi le tabelle allegate al contratto)

Quando riceverò il nuovo stipendio?
Il trattamento economico previsto dal nuovo contratto sarà corrisposto con efficacia retroattiva dal 1° gennaio 2023. Per l’effettiva erogazione si dovrà, tuttavia, attendere l’adeguamento del programma informatico stipendiale da parte della Ripartizione personale (previsto entro la fine dell’anno). Fino a tale adeguamento, il/la dirigente continuerà a percepire il trattamento economico attualmente in godimento. Dopo l’adeguamento del programma stipendiale, la Ripartizione personale procederà al conguaglio della differenza.

Dovrò continuare a timbrare la presenza in ufficio?
L’art. 10 ha introdotto il principio di auto responsabilizzazione del/della dirigente in funzione del raggiungimento degli obiettivi, prevedendo un impegno di lavoro (non più orario di lavoro) flessibile indicativo di almeno 40 ore settimanali.
Il/la dirigente dovrà timbrare solo due volte al giorno: all’inizio della parte di giornata lavorativa che svolge nella propria sede di servizio principale (una all’entrata e una all’uscita). Le timbrature non sono processabili.  Non si dovranno più timbrare pause pranzo e caffè e uscite di servizio.

Potrò continuare a lavorare in smart working?
Si, l’art. 10, comma 4, del nuovo contratto mantiene l’attuale disciplina dello smart working. Non è necessario la stipula di nuovi contratti individuali.

Potrò continuare a fare recupero ore?
Con il nuovo contratto non è più previsto un saldo orario. Eventuali ore in eccesso rispetto alle 40 ore del nuovo impegno non potranno essere recuperate né pagate come straordinari.

Continuerò a percepire il buono pasto?
Si, nelle giornate in cui il/la dirigente presta servizio per almeno sei ore (non in smart working) continua a percepire il buono pasto.

Quanti giorni di ferie spettano?
Il numero e la disciplina delle ferie restano invariate (30 giornate lavorative per chi lavora su 5 giorni settimanali). L’unica novità è che la fruizione delle ferie da parte del/della dirigente non è più soggetta a preventiva autorizzazione da parte del diretto superiore, ma solo a comunicazione. Si ricorda, comunque, che Costituisce specifica responsabilità del/della dirigente programmare, organizzare e fruire del proprio congedo ordinario in modo da garantire la continuità dell’attività con riguardo alle esigenze di servizio

Care/i iscritte/i,

dopo lunga e faticosa trattativa è  stato firmato oggi (31/05/2023) il contratto per la dirigenza, precisamente il Contratto collettivo intercompartimentale per il personale dirigenziale per il triennio 2020-2022.

Dirap è particolarmente soddisfatto della relazione stretta tra il testo approvato e le disposizioni della pregevole nuova legge provinciale n.6 del 2022, disposizioni di legge in linea con un concetto moderno di dirigenza e che hanno colmato una differenza troppo vasta tra il trattamento dei dirigenti della Provincia di Bolzano e quelli delle regioni più avanzate e dei ministeri.

Il contratto firmato oggi riconosce l’impegno e le grandi responsabilità dei dirigenti al servizio della cittadinanza, prevedendo una migliore disciplina delle relazioni sindacali, dell’impegno di lavoro, delle retribuzioni, dell’autonomia nell’organizzare la struttura cui è preposto/a, dei tempi di lavoro e del recupero psicofisico, dei casi di sostituzione di altri dirigenti, del conferimento degli incarichi e delle valutazioni in un’ottica rivolta ai risultati.

 

Antonio Lampis

Segretario DIRAP